Deprecated: Hook wpseo_opengraph is deprecated since version 14.0! Use wpseo_frontend_presenters instead. in /home/kmmebqhbdj/domains/dante.uni.wroc.pl/public_html/wp-includes/functions.php on line 5754

Cinema Dante – I giorni dell’abbandono

Come ogni mercoledì, si rinnova l’appuntamento settimanale con il Cinema Dante.
Mercoledì 17 Maggio alle ore 19.00 verrà proiettato in sala Czytelnia, presso il Dipartimento di Studi Classici, Mediterranei e Orientali (ul. Komuny Paryskiej 21), “I giorni dell’abbandono” film di Roberto Faenza.
Il film sarà proiettato in lingua originale con sottotitoli in inglese.
A seguire è prevista una discussione sulle tematiche che emergeranno dalla visione del film. Presentazione e discussione a cura di Marco Giufrè e Maria Grazia Erika Giuffrida.
L’ingresso è libero e aperto a tutti.

“I giorni dell’abbandono” è un film di Roberto Faenza del 2005, tratto dall’omonimo romanzo di Elena Ferrante.
La pellicola ha ricevuto diverse nomination in differenti categorie nei più importanti festival cinematografici italiani.
La protagonista è Olga, felicemente sposata e madre di due figli, interpretata da Margherita Buy. La narrazione ripercorre, principalmente in soggettiva, le fasi attraversate dalla protagonista che seguono l’evento di rottura rappresentato dall’abbandono da parte del marito (Luca Zingaretti). Il colpo di scena improvviso, che determina una spaccatura nella serena ed agiata vita di Olga, sconvolge anche la sua stabilità psichica. La sofferenza causata dal marito rischia lentamente di farle perdere il contatto con la realtà. Punto cardine della sceneggiatura è dunque lo scavo interiore di una donna lasciata improvvisamente per una ragazza più giovane, e per questo motivo il film è stato definito da diverse parti come “thriller dell’anima”. Il finale lascia qualche speranza di redenzione, auspicabile anche grazie all’incontro di Olga con un musicista serbo. Di notevole rilievo è la duplice prestazione di Goran Bregovic, come attore e soprattutto come curatore della colonna sonora che gli è valsa due nomination ai David di Donatello del 2006. Il film riesce a tratti a rappresentare veri e e propri attimi di vita con una verosimiglianza che non è così consuento riscontrare in un prodotto cinematografico.

Lingue