Deprecated: Hook wpseo_opengraph is deprecated since version 14.0! Use wpseo_frontend_presenters instead. in /home/kmmebqhbdj/domains/dante.uni.wroc.pl/public_html/wp-includes/functions.php on line 5754

Film: La mafia uccide solo d’estate

1385556391341_0350x0300_1385577605920MERCOLEDI’ 12 AGOSTO 2015 – SALA CZYTELNIA (ul. Komuny Paryskiej, 21 – Wrocław) ore 19:00. Ingresso libero. Versione in italiano con sottotitoli in inglese.

  • ANNO/DATA USCITA: 2013
  • REGIA: Pierfrancesco Diliberto
  • ATTORI: Cristiana Capotondi, Pif, Alex Bisconti, Ginevra Antona, Claudio Gioe, Ninni Bruschetta, Barbara Tabita, Rosario Lisma, Enzo Salomone, Maurizio Marchetti, Antonio Alveario, Domenico Centamore, Roberto Burgio, Attilio Fabiano, Toto Borgese.

Il film narra l’educazione sentimentale e civile di un bambino, Arturo, che nasce a Palermo lo stesso giorno in cui Vito Ciancimino, mafioso di rango, è stato eletto sindaco. E’ una storia d’amore che racconta i tentativi di Arturo di conquistare il cuore della sua amata Flora, una compagna di banco di cui si è invaghito alle elementari che vede come una principessa. Attraverso questa tenera ma divertente storia d’amore, il pubblico verrà coinvolto emotivamente negli eventi più tragici della nostra storia recente. Arturo infatti è un ragazzo come tanti altri dell’Italia degli anni ’70 ma è costretto a fare i conti con le infiltrazioni e le azioni criminose della mafia nella sua città. La consapevolezza di Arturo cresce anno dopo anno, ma nessuno lo ascolta. Palermo ha altro a cui pensare.

Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, debutta al cinema con una storia scomoda perché chiama in causa responsabilità collettive che costringono a interrogarsi sull’identità culturale del Paese, sul suo passato e sul suo futuro. Aiuto regista di Marco Tullio Giordana nel 2000, lo ha accompagnato nei Cento passi che separavano l’abitazione di Peppino Impastato da quella del boss Tano Badalamenti. E di quel film l’opera prima di Pif ha l’urgenza e la necessità di raccontare una pagina drammatica che non deve essere dimenticata perché rompe col silenzio e con l’omertà, un contratto sociale basato sulla connivenza. La Mafia uccide solo d’estate capovolge il comico in tragico, ricordandoci che ribellarsi è possibile.

http://www.mymovies.it/film/2013/solodestate/

Lingue