Deprecated: Hook wpseo_opengraph is deprecated since version 14.0! Use wpseo_frontend_presenters instead. in /home/kmmebqhbdj/domains/dante.uni.wroc.pl/public_html/wp-includes/functions.php on line 5754

Politica e Potere/4: Il Divo

Toni Servillo nei panni di Andreotti
Toni Servillo nei panni di Andreotti (1919-2013)

(Italia, 2008). Regia Paolo Sorrentino. Con Toni Servillo, Anna Bonaiuto, Giulio Bosetti.

Mercoledì 25 marzo 2015, ore 19. Ul. Komuny Paryskiej, 21, Sala Czytelnia.

Del «grande burattinaio» (Andreotti, N.d.R.) hanno congetturato in molti, tra le firme maggiori e minori del nostro cinema. Secondo Paolo Sorrentino non c’è dubbio alcuno, Nosferatu (Andreotti, N.d.R.) è stato il manovratore (neanche tanto occulto) della storia d’Italia della Prima Repubblica. Uno strano e complesso film, in effetti, quello che il regista napoletano presenta oggi in concorso e che è stato applaudito ieri sera al termine della proiezione stampa: nel raccontare, con piglio altero e ammiccante allo stesso tempo, lo squarcio di vita politica che va dal ’91 al ’95, «Il Divo» fa sì che il proprio progetto da oratorio cupo e visionario ora si rafforzi, ora si estenui, ora sfugga, ora chieda aiuto alle didascalie. (Valerio Caprara, su Il Mattino 23 maggio 2008).

Enzo Biagi ha scritto di lui: “Non credo che nessuno lo abbia mai sentito gridare, né visto in preda all’agitazione. «Una cara zia» confida «mi ha insegnato a guardare alle vicende con un po’ di distacco.» […] Legge romanzi gialli, è tifoso della Roma, e si compera l’abbonamento, frequenta le corse dei cavalli, è capace di passare un pomeriggio giocando a carte, e l’attrice che preferiva, in gioventù, era la bionda Carole Lombard, colleziona campanelli e francobolli del 1870 […] Padre di quattro figli, ha la fortuna che la sua prole tende a non farsi notare. E neppure la signora Livia, la moglie, di cui non si celebrano né gli abiti né le iniziative. Non c’è aneddotica sulla signora Andreotti”.

Indro Montanelli ha commentato che «in chiesa, De Gasperi parlava con Dio; Andreotti col prete». Montanelli riferisce anche che, lette queste parole, Andreotti ribatté: «Sì, ma a me il prete rispondeva».

Sinossi degli incarichi di Governo di Giulio Andreotti:

  • Segretario del Consiglio dei ministri 1947 – 1954
  • Ministro dell’Interno 1954
  • Ministro delle Finanze  1955 – 1958
  • Ministro del Tesoro 1958 – 1959
  • Ministro della Difesa 1959 – 1966
  • Ministro dell’Industria, Commercio e Artigianato 1966 – 1968
  • Presidente del Consiglio 1972 – 1973
  • Ministro della Difesa 1974
  • Ministro del Bilancio e Programmazione Economica 1974 – 1976
  • Presidente del Consiglio 1976 – 1979
  • Ministro degli Affari Esteri 1983 – 1989
  • Ministro delle Politiche Comunitarie 1987
  • Presidente del Consiglio 1989 – 1992
  • Senatore a vita 1991-2013

 

Lingue