Deprecated: Hook wpseo_opengraph is deprecated since version 14.0! Use wpseo_frontend_presenters instead. in /home/kmmebqhbdj/domains/dante.uni.wroc.pl/public_html/wp-includes/functions.php on line 5754

«Ma qui la morta poesì resurga» La ricezione della Commedia di Dante: letteratura, arti, didattica

Università di Wrocław, Dipartimento di Studi Classici, Mediterranei e Orientali

10-11 giugno 2019

Biblioteka na Piasku, ul. Świętej Jadwigi 3/4 – Aula Magna

Lunedì 10 giugno

Ore 9,30: Inaugurazione del convegno, indirizzi di saluto

Gościwit Malinowski (direttore del Dipartimento di Studi Classici, Mediterranei e Orientali)

Silvia Maria Giugni (responsabile del PLIDA, Società Dante Alighieri, sede centrale)

Alessandro Curti: Lectura Dantis in italiano e polacco del canto XXXIII dell’Inferno nella versione di A. Mickiewicz

Ore 10: Sessione mattutina – Presiede Sonia Maura Barillari

Maria Maślanka-Soro (Università Jagellonica di Cracovia), Il rapporto tra testo e immagine negli incunaboli veneziani della Commedia: alcuni esempi

Paolo Aldo Rossi (Università di Genova), Logica e ontologia nel pensiero di Dante

Andrea F. De Carlo (Università l’Orientale di Napoli), Il regno dei cieli in terra. Ispirazioni emotivi del Paradiso dantesco nelle opere dei romantici polacchi

Norbert Mátyus (Università Cattolica Péter Pázmány di Budapest), Come fare l’edizione critica di una traduzione dantesca? Il caso dell’ungherese

Magdalena Žáčková (Università Karlova di Praga), La fortuna della Divina Commedia e delle sue traduzioni in territorio ceco

Ore 12.00: Visita alla sezione manoscritti e stampe antiche della biblioteca universitaria

Ore 14.30: Sessione pomeridiana – Presiede Luca Palmarini

Silvia Maria Giugni (Società Dante Alighieri, Roma), L’Inferno di Topolino: una ricezione dantesca agli albori del pop nell’Italia del secondo dopoguerra

Filippo Mollea Ceirano (Torino): L’ultimo peccato dell’umanità: Dante Alighieri, Inferno – Canto XXXIII bis: L’incredibile manoscritto ritrovato in Valsusa

Martina Di Febo (Università di Genova): Dante e le manipolazioni ideologiche

Anna Pifko-Wadowska (Università Jagellonica di Cracovia), Dalla Commedia ai canti villerecci. Alcune scelte traduttive di Jan Guszkiewicz

Gianluca Olcese, Agnieszka Gajewa, Ilona Kadys (Università di Wrocław, Società Dante Alighieri), La Divina Commedia nell’insegnamento ai bambini (7-12 anni) in Polonia

Ore 18.00: giro turistico della città

Ore 20.00: cena sociale

Martedì 11 giugno

Ore 10.00: Sessione mattutina – Presiede Maria Maślanka-Soro

Gaetano Lalomia (Università di Catania), Dalla parola-immagine all’immagine: il caso di Paolo e Francesca

Donatella Stocchi-Perucchio (Università di Rochester), Monumenti a Dante: ideologie politiche e arte africana contemporanea

Izabela Mai (Università di Danzica), L’Inferno di Dante e nuovi sistemi di rappresentazione nella cultura audiovisiva

Sonia Maura Barillari (Università di Genova), Fra l’Irlanda e Venezia: innesti danteschi nel Purgatorio di Ludovico di Sur

Ore 12.00: Visita alla collezione d’arte della sezione di studi ebraici presso la sede delconvegno

Ore 14.00: Sessione pomeridiana – Presiede Gianluca Olcese

Nicolino Applauso (Università Loyola del Maryland, Morgan State University), Il Dante NOTAV e antipopulista degli anni Duemila: Nuove tendenze sulla ricezione politica della Commedia in Italia, in Europa e nel mondo

Luca Palmarini (Università Jagellonica di Cracovia), Il secolo obliquo: la ricezione della Divina Commedia in Polonia tra Ottocento e Novecento

Federico Marchetti (Università di Ferrara), Quattro interpolazioni apocrife nella tradizione manoscritta della Commedia

Federico Guariglia (Università di Verona), La Divina Commedia in Galizia: O divino Sainete di Manuel Curros Enrìquez

Piotr Białecki (Università di Varsavia), Franco Sacchetti commentatore di Dante?

Ore 17.00: Conclusioni

Ore 20.00: Spettacolo teatrale di e con Alessandro Curti, Istituto Grotowski, sala Teatro Laboratorium

Organizzazione: Sonia Maura Barillari, Maria Maślanka-Soro, Gianluca Olcese, Luca Palmarini

PLIDA, Società Dante Alighieri: sede centrale, comitati di Breslavia e di Cracovia, Università di Wrocław, Università Jagellonica di Cracovia, Università degli Studi di Genova

“Ma qui la morta poesì resurga”. Ricezione della Commedia di Dante Alighieri: letteratura, arti, didattica. 10-11 giugno, Università di Wroclaw

Organizzatori: Sonia Maura Barillari, Maria Maślanka-Soro, Gianluca Olcese, Luca Palmarini

PLIDA, Società Dante Alighieri: sede centrale, comitati di Breslavia e di Cracovia; Società Italiana di Filologia Romanza (SIFR)

Università di Breslavia, Università Jagellonica di Cracovia, Università degli Studi di Genova.

Il convegno ha valore di corso di aggiornamento per insegnanti, con il riconoscimento del Ministero dell’Istruzione Italiano e sarà fornito a chi lo richieda un attestato di partecipazione.

Dante Alighieri è lo scrittore in lingua italiana più studiato al mondo e le pubblicazioni dedicate alle sue opere superano ogni anno quelle per qualsiasi altro autore della penisola. Lungo il percorso che conduce alla commemorazione del VII centenario della morte del poeta, nel 2021, questo convegno si propone di celebrarne la vita attraverso i versi della Commedia, la sua opera più nota le cui radici scavano nelle tradizioni europee, anche ‘laterali’ quale quella che ha portato alla nascita del Purgatorio, e trovano altresì interessanti riscontri in quella araba ad es. nei parallelismi con il Libro della Scala e nei riferimenti testuali ai filosofi arabi nell’anti-Inferno. La ricerca di Dante ha le sue basi tanto nella letteratura colta quanto nella cultura popolare, l’una e l’altra chiaramente percepibili nei personaggi mitici e nelle ambientazioni che popolano il suo universo. Il costante rapporto che il testo intrattiene con il lettore viene colto ed esaltato nelle sue interpretazioni e riletture successive in tutte le diverse forme espressive: letteratura, musica, teatro, fotografia, cinema, pittura, scultura, etc.

Per questo la Commedia dantesca può fornire un’importante base per favorire l’apprendimento linguistico, come fattore motivazionale, e come oggetto indipendente di studio e ricerca al di fuori dell’Italia. Si pensi ad esempio al suo adattamento per un pubblico molto giovane rappresentato da L’Inferno di Topolino, testo a fumetti di Guido Martina e Angelo Bioletto, o, nella letteratura polacca, alla Non-divina commedia (Nie-Boska komedia) di Zygmunt Krasiński, o ancora a testi di esplicita denuncia sociale quale l’anonimo Canto 33-bis, o la fortuna letteraria (e non solo) di alcuni personaggi danteschi, come Francesca da Rimini, Cunizza da Romano, Manfredi, o ancora di Ulisse ad es. nell’ironica parodia de L’ipotesi di Guido Gozzano. Si evidenzia inoltre l’importante stimolo culturale che la Commedia – la cui ricca tradizione manoscritta è ancora costante oggetto di ricerca – ha saputo dare in area germanica per la fondazione di circoli di intellettuali interessati allo studio e all’interpretazione del testo, che da Dresda si sono espansi in tutto il territorio di lingua tedesca, di cui è frutto la traduzione ancora attuale in lingua tedesca di Giovanni di Sassonia, pubblicata sotto lo pseudonimo di Philaletes. Si tengano inoltre presenti le opere musicali aventi quale fonte ispiratrice la Commedia, come la nota sinfonia di Liszt, e quelle pittoriche di cui offrono esempi illustri la Barca di Dante dipinta da Delacroix, le opere di Botticelli, di William Blake, di Salvador Dalí, nonché le illustrazioni di Gustave Dorè, infine le molte trasposizioni cinematografiche, prima fra tutte L’inferno, film muto italiano del 1911 che proprio alle illustrazioni del Doré si è ispirato.

Si invita a proporre interventi riconducibili alle seguenti linee-guida:

– riletture e riscritture letterarie (parodia, satira, adattamenti)
– arti figurative
– trasposizioni cinematografiche
– testi musicali
– traduzioni
– tradizione manoscritta
– didattica

La partecipazione al convegno prevede il versamento della quota di tesseramento di 120 Zloty o di 30 Euro alla Società Dante Alighieri, Comitato di Wroclaw.

Ai relatori e agli insegnanti iscritti al corso di aggiornamento sarà consegnato un attestato di partecipazione.

I contributi dei partecipanti saranno selezionati per la pubblicazione su Collectanea – una collana dedicata a raccogliere miscellanee di saggi caratterizzati da un’impostazione interdisciplinare, intesi a investigare un tema comune con strumenti propri ad ambiti scientifici differenti e in parte complementari (letteratura, filosofia, filologia, linguistica, storia, critica d’arte, etc.) al fine di proporre un quadro delle problematiche di volta in volta affrontate improntato alla complessità dialettica. Virtuosa-mente editore. Gli autori riceveranno, altresì, una versione digitale del proprio contributo conforme alle direttive ministeriali vigenti.

Lingue principali: italiano, polacco, tedesco, francese, inglese (la possibilità di svolgere la relazione in altre lingue sarà valutata dagli organizzatori).

Termine per l’invio delle proposte è il 25 aprile, via posta elettronica, con informazioni personali del relatore comprensive di titolo dell’intervento e abstract nella lingua scelta per la presentazione, da inviare alla segreteria del convegno, Giovanni Jarre: commedia.wroclaw@gmail.com

IBAN del conto in Euro: PL41 1750 0012 0000 0000 3665 3337
BIC/SWIFT: PPABPLPK
Conto in Zloty: 19 1750 0012 0000 0000 3665 3248

Lingue