Deprecated: Hook wpseo_opengraph is deprecated since version 14.0! Use wpseo_frontend_presenters instead. in /home/kmmebqhbdj/domains/dante.uni.wroc.pl/public_html/wp-includes/functions.php on line 5754

Week of Italian Culture – Italy and the Mediterranean -Wrocław, June 20-25

From 20 to 25 June 2022, the Week of Italian Culture dedicated to Italy and the Mediterranean will take place as part of the international Erasmus+ project European Arts and Traditions in Italian Language Learning – Pastille, in cooperation with the Italian Cultural Institute in Krakow. On this occasion, the international conference Mediterraneo – Crocevia di racconti, 23-25 June (Thursday to Saturday) at the Institute of Classical, Mediterranean and Oriental Studies, ulica St. Jadwiga 3/4.

The programme is as follows:
Monday 20, 7 p.m.: film screening (DCF), Adam Kruk presents: Lacci, directed by Daniele Luchetti, 2020
Tuesday 21, 7.30 p.m.: Italian conversation evening (Spanish Library, ulica Szajnochy 5)
Wednesday 22, 6.30 p.m.: culinary workshop, ‘panissa and panissette’, by Prof. Sonia Barillari, chef: Jakub Emanuel Malec (Spanish Library, ulica Szajnochy 5)
Thursday 23, 7 p.m.: music and tradition, concert by Roberto Ruggeri (Spanish Library, ulica Szajnochy 5)
Friday 24, 7 p.m.: Italian literature, artistic reading by Alessandro Curti (Spanish Library, ulica Szajnochy 5)
Saturday 25, 7 p.m.: Italian photography, Genoa, gateway to the Mediterranean, photographs by Gianluca Olcese (Spanish Library, ulica Szajnochy 5)


Welcome!

Tutti gli appassionati di cultura italiana, e non solo, sono i benvenuti 🙂 🙂

Download the poster

Invitation to the 4th International Conference on Neo-Latin Cultures

Mediterraneo – Crocevia di racconti / Mediterranean – Crossroads of Stories, 23-25 June

University of Wrocław, Institute of Classical, Mediterranean and Oriental Studies, ulica St. Jadwiga 3/4, room 102.

June, 23, at 9.00

Inauguration, Oratorium Marianum, University of Wrocław, plac Uniwersytecki 1

Welcoming speech

Longue durée

  • Gianluca Olcese (Università di Wroclaw), I viaggi della lingua italiana e la continuità: il progetto European arts and traditions in Italian language learning.
  • Sonia Maura Barillari (Università di Genova), L’iter barcinonense di sant’Antonio Abate: un percorso attraverso il mediterraneo testuale, narrativo e iconografico
  • Paolo Tabacchini (Università Palacký di Olomouc), Requiem, ovvero Delle tentazioni di Antonio (Tabucchi)

Afternoon session, at 13.30

Borders

  • Ewa Tichoniuk-Wawrowicz (Università di Zielona Góra), Labirinti del Mediterraneo
  • Anna Siri, Cinzia Leone (Università di Genova), Corridoi umanitari nella prospettiva storico-antropologica. Il progetto europeo HUMCORE
  • Emilio Quadrelli (Ricercatore indipendente), La “frattura coloniale” attraverso lo sguardo e le parole dei minori richiedenti asilo del Continente africano

June, 24, at 10.00

Medieval Mediterranean

  • Sławomir Torbus (Università di Wroclaw), The references to Paul’s journey to the third heaven (2 Cor. 12:2-4) in Charles Williams’ Arthuriad
  • Błażej M. Stanisławski (Accademia Polacca delle Scienze, Istituto di Etnologia e Archeologia, Wroclaw), Rozwój struktur kościelnych i architektury sakralnej Normandii oraz południowej Italii i Sycylii w świetle aktywności rodów normańskich Grentemensil i Gérei (Lo sviluppo delle strutture ecclesiastiche e dell’architettura ecclesiastica in Normandia e nell’Italia meridionale e in Sicilia alla luce delle attività delle famiglie normanne Grentemensil e Gérei)
  • Fabrizio De Falco (Università di Bologna), Le strade che portano a Roma. Il viaggio dall’Inghilterra all’Italia: racconti, scelte e itinerari tra XII e XIII secolo
  • Simone Briano (Università di Bologna), Il Mediterraneo e gli altri: Gog e Magog dalla Siria al Medioevo europeo

Afternoon session, at 14.30

  • Elena Muzzolon (Università di Genova), Strade perdute. Viaggi estatici nel Lancelot en prose
  • Federico Guariglia (Università di Genova), Canzoni e motivi dalla Catalogna al Veneto: itinerari letterari
  • Ilona Kadys (Scuola Elementare n. 73 W. Anders), La saggezza dei proverbi nell’insegnamento della lingua italiana – dal Veneto alla Sicilia

Mediterranean and Europe, at 16.00

  • Fabio Boni (Università Pedagogica di Cracovia) e Luca Palmarini (Università Jagellonica), Il Mediterraneo tra Italia e Grecia, come rotta verso l’indipendenza della Polonia: gli appunti manoscritti del nobile polacco Zygmunt Mineyko
  • Lucia Ruggieri (Università degli studi di Modena e Reggio Emilia), Fra immagini letterarie e idee politiche: l’Europa e l’Italia attraverso le lettere di Battista Guarini
  • Renato Ricco (Liceo Classico “Pietro Colletta” – Avellino / Università di Salerno), Viaggi, lacrime e dolori su rotte mediterranee: verso una moderna edizione dei Versus de Anna sorore Didonis di Pietro da Moglio

June, 25, at 9.00

Towards the East

  • Angelo Cattaneo e Giulio Vaccaro (Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea, Roma-Firenze), Dal Mediterraneo al Polo Artico e ritorno: il misterioso viaggio dei fratelli Zen(o)
  • Silvia Tolusso (Università degli Studi Roma Tre), L’Oriente dopo il Medioevo: notizie dalle missioni gesuitiche in Cina e Giappone in età moderna
  • Krzysztof Bekieszczuk (Università di Wroclaw), Missionaries from the Mediterranean region and their contribution to the linguistic research on Indian languages
  • Nina Budziszewska (Università di Wroclaw), L’image du surnaturel indien dans les “Voyages” d’Ibn Baṭṭūṭa

Between lands and languages, at 11.30

  • Marek Dolatowski (Università di Zielona Góra), Le isole linguistiche dei cimbri e dei mòcheni – ospiti germanofoni nel Trentino
  • Monica Mosca (Università di Wroclaw), Il pellegrinaggio di Egeria: tra terre e lingue… in movimento


Organizers: Sonia Maura Barillari, Nina Budziszewska, Ester Fuoco, Gianluca Olcese, Błażej Stanisławski

Medievalia Shakespeariana 5 – Richard III

Conference programme

May, 4 – 14.30

  • Maura Sonia Barillari (Università di Genova) – L’ombra del diavolo: il paradigma demoniaco e il corpo del re
  • Martina Di Febo (Università di Macerata) – Seneca in Purgatorio: gli spettri nel Riccardo III
  • Elena Muzzolon (Università di Padova) – Riccardo III e il mito del guerriero empio
  • Federico Guariglia (Università di Verona – Università di Genova) – David Garrick: vita e imprese di un Riccardo III 
  • Paolo Aldo Rossi (Università di Genova) – I sogni reali e il soprannaturale in Riccardo III
  • Brutti e cattivi. Piccola antologia di haters teatrali a cura de il Falcone – Teatro Universitario di Genova

May, 5 – 9.00

  • Roberto Cuppone (Università di Genova) – La crudeltà, che spettacolo!
  • Maria Dolores Pesce (dramma.it) – Riccardo III: il coro delle regine
  • Fabio Contu (Universidad de Sevilla) – Un americano alla corte di Riccardo III
  • Gianluca Olcese (Uniwersytet Wrocławski) – Riccardo III: povero re, e povero anche il cavallo
  • Oscar Meo (Università di Genova) – Interpretazioni filosofiche del Riccardo III: da Lessing ad Arendt

Brochure

Durante il convegno verrà inoltre presentato il progetto Erasmus Plus European Arts and Traditions in Italian Language Learning – PASTILLE (2019-1-PL01-KA203-065078), dedicato alla costruzione di strumenti didattici innovativi per l’insegnamento della lingua italiana.

4 e 5 maggio 2022 

4 maggio ore 14.30 – 19.00
5 maggio ore 9.00 – 13.00
Il convegno ha valore di Corso di Aggiornamento per insegnanti di ogni ordine e grado.
Ai partecipanti verrà rilasciato regolare attestato di partecipazione.
Per gli insegnati è prevista l’autorizzazione alla partecipazione in orario di servizio.

Direzione del corso:
Martina Di Febo: mdifebo68@gmail.com
Aula Magna, Via Balbi 2 – Genova
Per maggiori informazioni: maurasonia.barillari@unige.it 
Promotore: Maura Sonia Barillari – Dipartimento di Lingue e Culture Moderne

Call for IV International Conference of Neo-Latin Cultures – Mediterranean crossroads of tales – Wrocław, June 23-25

Mediterranean crossroads of tales

IV International Conference of Neo-Latin Cultures

University of Wrocław, Institute of Classical, Mediterranean and Oriental Studies June 23-25, 2022

The Mediterranean has always been a crucial commercial hub, a privileged point of contact of cultures and traditions: along the routes that ran through it, throughout the Middle Ages, memories of distant places travelled along men and goods: those of the remotest mysterious and charming East or of an unknown North, which gave news of itself through the ‘streets of amber’ that converged on Byzantium. The con- ference is intended as an opportunity to cover a broad spectrum of issues also related to the concept of pilgrimage, both of a religious and academic type, with particular attention the social and political aspects, and the impact on the formation of the unitary image of culture and politics in Europe. We expect to indicate, in addition to the dynamics of a journey that pilgrims made in sacred places, the characteristics of the travelers, the crossroads of tales in the Middle Ages and during the Renaissance. In the heart of the Mediterranean, stories of different origins and nature met, dialectized, mingled and hybridized to become the lifeblood of future ‘European’ literatures.

Research areas

– The medieval Mediterranean and its relations with the East (texts, images, traditions) – manuscript tradition and associated iconography
– archaeological sites and finds
– linguistic contaminations
– philosophical and cultural contaminations
– sociological problematics
– language teaching through authentic material.

Scientific Committee: Sonia Maura Barillari (University of Genoa), Nina Budziszewska (University of Wro- claw), Ester Fuoco (Santa Giulia Academy of Fine Arts in Brescia), Gianluca Olcese (Wroclaw University), Blazej Stanislawski (Polish Academy of Sciences)

Project ‘European Arts and Traditions in Italian Language Learning’ – PASTILLE. Number: 2019-1-PL01-KA203-065078

Participation proposal

name and surname: 

university / affiliate study center: 

mailing address:

email address: 

phone number: 

proposal title: 

abstract (max. 300 words): 

Participation proposals must be received in WORD (.docx) format by May 15, 2022 at the address:  gianluca.olcese@uwr.edu.pl

The conference will be held in attendance.

Mediterranean crossroads of tales – IV International Conference of Neo-Latin Cultures – Wrocław, June 23-25

Mediterranean crossroads of tales

IV International Conference of Neo-Latin Cultures

University of Wrocław, Institute of Classical, Mediterranean and Oriental Studies June 23-25, 2022

The Mediterranean has always been a crucial commercial hub, a privileged point of contact of cultures and traditions: along the routes that ran through it, throughout the Middle Ages, memories of distant places travelled along men and goods: those of the remotest mysterious and charming East or of an unknown North, which gave news of itself through the ‘streets of amber’ that converged on Byzantium. The con- ference is intended as an opportunity to cover a broad spectrum of issues also related to the concept of pilgrimage, both of a religious and academic type, with particular attention the social and political aspects, and the impact on the formation of the unitary image of culture and politics in Europe. We expect to indicate, in addition to the dynamics of a journey that pilgrims made in sacred places, the characteristics of the travelers, the crossroads of tales in the Middle Ages and during the Renaissance. In the heart of the Mediterranean, stories of different origins and nature met, dialectized, mingled and hybridized to become the lifeblood of future ‘European’ literatures.

Research areas

– The medieval Mediterranean and its relations with the East (texts, images, traditions) – manuscript tradition and associated iconography
– archaeological sites and finds
– linguistic contaminations
– philosophical and cultural contaminations
– sociological problematics
– language teaching through authentic material.

Scientific Committee: Sonia Maura Barillari (University of Genoa), Nina Budziszewska (University of Wro- claw), Ester Fuoco (Santa Giulia Academy of Fine Arts in Brescia), Gianluca Olcese (Wroclaw University), Blazej Stanislawski (Polish Academy of Sciences)

Project ‘European Arts and Traditions in Italian Language Learning’ – PASTILLE. Number: 2019-1-PL01-KA203-065078

Participation proposal

name and surname: 

university / affiliate study center: 

mailing address:

email address: 

phone number: 

proposal title: 

abstract (max. 300 words): 

Participation proposals must be received in WORD (.docx) format by May 15, 2022 at the address:  gianluca.olcese@uwr.edu.pl

The conference will be held in attendance.

Carducci poeta e neolatinista: una prospettiva internazionale (Wrocław)

proroga al 29 settembre del termine per l’invio delle proposte di partecipazione

Per i 130 anni dalla fondazione della Società Dante Alighieri (1889-2019)

II convegno internazionale di culture neolatine

Dipartimento di Studi Classici Mediterranei e Orientali dell’Università di Wroclaw

24-25 novembre 2020


Giosue Carducci gioca a briscola, foto di Augusto Righi, 1898 circa (Archivio fotografico di Casa Carducci, A 30.3)

L’Università di Wrocław, la Società Dante Alighieri, l’Università Jagellonica di Cracovia e l’Università di Genova, con l’appoggio della Società Italiana di Filologia Romanza-Scuola, dell’Istituto Italiano di Cultura di Cracovia, dell’Istituto di Archeologia e di Etnologia dell’Accademia Polacca delle Scienze, per ricordare Carducci a 130 anni di attività della Società Dante Alighieri da lui co-fondata, invitano ad inviare delle proposte di partecipazione.

Le relazioni ammesse in programma coinvolgeranno studiosi di letteratura italiana, di storia della lingua, filologi romanzi, con una particolare attenzione alle ricadute formative e didattiche intese a incentivare l’insegnamento della lingua italiana all’estero.

Sono previsti percorsi di aggiornamento per insegnanti delle lingue e letterature italiana e romanze. L’attestato di partecipazione è riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.

Lo studio della ‘Filologia Romanza’ deve fare i conti con il carattere e la personalità letteraria e culturale di colui che per primo ha retto per oltre vent’anni all’Università di Bologna, la cattedra di Storia Comparata delle Letterature Neolatine oltre a quella di Letteratura Italiana, Giosuè Carducci, che Benedetto Croce considera l’ultimo ‘omeride’ italiano, l’ultimo grande poeta della storia, ma soprattutto ci troviamo di fronte alla dimensione Europea che acquisì la sua poesia e il suo pensiero, grazie altresì alla fondazione della Società Dante Alighieri 130 anni fa per analizzare lo spirito con cui è stata fondata e trarre un bilancio della sua eredità​. Se la sua produzione lirica è stata ampiamente investigata, meno lo è la sua attività didattica presso l’Università di Bologna.

Il poeta fu attento indagatore dei trovatori e della loro lingua nonché, in accordo con lo spirito dei tempi e dell’impostazione della disciplina, dei miti, delle leggende e delle tradizioni che dal medioevo riverberavano ancora i loro riflessi sulla contemporaneità, anche grazie alla lezione del Romanticismo.

Le relazioni ammesse in programma coinvolgeranno studiosi di letteratura italiana, storia della lingua, filologi romanzi, con una particolare attenzione alle ricadute formative e didattiche intese a incentivare l’insegnamento della lingua italiana all’estero. Sono previsti percorsi di aggiornamento per insegnanti delle lingue e letterature italiana e romanze.

Fra i temi che possono essere oggetto di studio, suggeriamo:

Carducci e Dante

Nel 1904 per l’edizione del suo ultimo lavoro su Dante, Carducci specifica: «da lui cominciai, con lui finisco». Come dimostra l’edizione dantesca conservata in casa Carducci, l’autore ha approfondito lo studio della Commedia, corredandolo di note interessanti che in alcuni casi sono state sviluppate in studi autonomi (Sordello). Il tema della ricezione della Commedia e delle opere dantesche, si sviluppa a partire dagli studi e dalle glosse di Carducci, e dalla sua produzione letteraria ispirata a Dante, in prospettiva diacronica e europea, e in continuità con le celebrazioni dantesche 2019-21 a 700 anni dalla morte del poeta.

Carducci e le letterature medievali

In accordo con un Romanticismo ormai declinante, in ragione della cattedra di ‘Filologia Romanza’ che il poeta ha tenuto per oltre vent’anni, Carducci ha studiato alcuni dei più importanti autori del medioevo romanzo: Jaufré Rudel, Bernart de Ventadorn, Raimbaut de Vaqueiras e della leggenda di Aleramo. Ulteriori approfondimenti possono essere frutto dell’indagine sulle lezioni universitarie di Carducci conservate ancora manoscritte nell’ultima casa del poeta a Bologna, alcune delle quali pubblicate dall’autore sotto forma di articolo. Ricordiamo inoltre la sua lettura di Jaufré Rudel alla Palombella di cui abbiamo la relazione giornalistica tracciata da D’Annunzio.

Carducci e il mondo classico

​La classicità è il filo conduttore della produzione poetica di Carducci, che si distacca sia dall’ultimo romanticismo sia dall’incipiente tendenza simbolista che nel secondo Ottocento caratterizzò la poesia europea: orgoglioso delle sue ascendenze culturali tutte italiane e classiche, rifiutò nettamente i modelli letterari e culturali provenienti d’Oltralpe. Con le Odi barbare Carducci ha affrontato il difficile problema della trasposizione in chiave qualitativa di metri espressi in forma quantitativa. Evidente è altresì la ricezione della tradizione classica nelle scelte tematiche della lirica carducciana, in particolare ne Le fonti del Clitumno.

Carducci tradotto e traduttore

Carducci ha dimostrato un’estrema perizia nella traduzione di testi medievali e provenzali (Jaufré Rudel, Bernart de Ventadorn, Raimbaut de Vaqueiras) e a sua volta è stato oggetto di traduzione in diverse lingue europee, in polacco le sue opere sono state tradotte, tra gli altri, da Julia Dickstein-Wieleżyńska, Helena Grotowska, Edward Porębowicz, Zenon Przesmycki e Wincent Rzymowski.

Carducci anarchico e l’Italia unita

In rapporto al suo tempo, Carducci ha dimostrato una duttilità ‘moderna’: da presupposti anarchici (l’Inno a Satana, il circolo degli Amici pedanti) è arrivato a legittimare l’Unità d’Italia, al tempo frutto estremo di ideali romantici, appoggiando l’istituzione monarchica. Tra i fondatori della Società Dante Alighieri, allo scopo di favorire e promuovere la cultura e la tradizione italiana, laddove pur avendo una popolazione legata ancora i confini della neonata nazione non erano arrivati. Carducci stesso è stato trattato, dopo la morte, come uno dei simboli di movimenti e circoli politicamente e ideologicamente distanti, giustificando il fatto attraverso artifici e scelte retoriche (Jesi).

I contributi dei partecipanti saranno selezionati per la pubblicazione su Collectanea – una collana scientifica dedicata a raccogliere miscellanee di saggi caratterizzati da un’impostazione interdisciplinare, intesi a investigare un tema comune con strumenti  propri ad ambiti scientifici differenti e in parte complementari (letteratura, filosofia, filologia, linguistica, storia, critica d’arte, etc.) al fine di proporre un quadro delle problematiche di volta in volta affrontate improntato alla complessità dialettica. Virtuosa-mente editore. Gli autori riceveranno, altresì, una versione digitale del proprio contributo conforme alle direttive ministeriali vigenti.

Inviare il titolo e una breve introduzione della proposta all’email commedia.wroclaw@gmail.com entro il 29 settembre 2020

La quota di partecipazione è di 30 Euro / 120 Złoty

Organizzazione:

  • Sonia Maura Barillari (Università degli studi di Genova),
  • Gianluca Olcese (Università di Wrocław),
  • Luca Palmarini (Università Jagellonica di Cracovia)

Luogo: Istituto di Archeologia e Etnografia dell’Accademia Polacca delle Scienze (IAE-PAN)

Sala congressi, ul. Więzienna 6, Wrocław

Carducci poeta e neolatinista: una prospettiva internazionale

Per i 130 anni dalla fondazione della Società Dante Alighieri (1889-2019)

II convegno internazionale di culture neolatine

Dipartimento di Studi Classici Mediterranei e Orientali dell’Università di Wroclaw

31 marzo – I aprile 2020


L’Università di Wrocław, la Società Dante Alighieri, l’Università Jagellonica di Cracovia e l’Università di Genova, con l’appoggio della Società Italiana di Filologia Romanza-Scuola, dell’Istituto Italiano di Cultura di Cracovia, dell’Istituto di Archeologia e di Etnologia dell’Accademia Polacca delle Scienze, per ricordare Carducci a 130 anni di attività della Società Dante Alighieri da lui co-fondata, invitano ad inviare delle proposte di partecipazione.

Le relazioni ammesse in programma coinvolgeranno studiosi di letteratura italiana, di storia della lingua, filologi romanzi, con una particolare attenzione alle ricadute formative e didattiche intese a incentivare l’insegnamento della lingua italiana all’estero.

Sono previsti percorsi di aggiornamento per insegnanti delle lingue e letterature italiana e romanze. L’attestato di partecipazione è riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.

Lo studio della ‘Filologia Romanza’ deve fare i conti con il carattere e la personalità letteraria e culturale di colui che per primo ha retto per oltre vent’anni all’Università di Bologna, la cattedra di Storia Comparata delle Letterature Neolatine oltre a quella di Letteratura Italiana, Giosuè Carducci, che Benedetto Croce considera l’ultimo ‘omeride’ italiano, l’ultimo grande poeta della storia, ma soprattutto ci troviamo di fronte alla dimensione Europea che acquisì la sua poesia e il suo pensiero, grazie altresì alla fondazione della Società Dante Alighieri 130 anni fa per analizzare lo spirito con cui è stata fondata e trarre un bilancio della sua eredità​. Se la sua produzione lirica è stata ampiamente investigata, meno lo è la sua attività didattica presso l’Università di Bologna.

Il poeta fu attento indagatore dei trovatori e della loro lingua nonché, in accordo con lo spirito dei tempi e dell’impostazione della disciplina, dei miti, delle leggende e delle tradizioni che dal medioevo riverberavano ancora i loro riflessi sulla contemporaneità, anche grazie alla lezione del Romanticismo.

Le relazioni ammesse in programma coinvolgeranno studiosi di letteratura italiana, storia della lingua, filologi romanzi, con una particolare attenzione alle ricadute formative e didattiche intese a incentivare l’insegnamento della lingua italiana all’estero. Sono previsti percorsi di aggiornamento per insegnanti delle lingue e letterature italiana e romanze.

Fra i temi che possono essere oggetto di studio, suggeriamo:

Carducci e Dante

Nel 1904 per l’edizione del suo ultimo lavoro su Dante, Carducci specifica: «da lui cominciai, con lui finisco». Come dimostra l’edizione dantesca conservata in casa Carducci, l’autore ha approfondito lo studio della Commedia, corredandolo di note interessanti che in alcuni casi sono state sviluppate in studi autonomi (Sordello). Il tema della ricezione della Commedia e delle opere dantesche, si sviluppa a partire dagli studi e dalle glosse di Carducci, e dalla sua produzione letteraria ispirata a Dante, in prospettiva diacronica e europea, e in continuità con le celebrazioni dantesche 2019-21 a 700 anni dalla morte del poeta.

Carducci e le letterature medievali

In accordo con un Romanticismo ormai declinante, in ragione della cattedra di ‘Filologia Romanza’ che il poeta ha tenuto per oltre vent’anni, Carducci ha studiato alcuni dei più importanti autori del medioevo romanzo: Jaufré Rudel, Bernart de Ventadorn, Raimbaut de Vaqueiras e della leggenda di Aleramo. Ulteriori approfondimenti possono essere frutto dell’indagine sulle lezioni universitarie di Carducci conservate ancora manoscritte nell’ultima casa del poeta a Bologna, alcune delle quali pubblicate dall’autore sotto forma di articolo. Ricordiamo inoltre la sua lettura di Jaufré Rudel alla Palombella di cui abbiamo la relazione giornalistica tracciata da D’Annunzio.

Carducci e il mondo classico

​La classicità è il filo conduttore della produzione poetica di Carducci, che si distacca sia dall’ultimo romanticismo sia dall’incipiente tendenza simbolista che nel secondo Ottocento caratterizzò la poesia europea: orgoglioso delle sue ascendenze culturali tutte italiane e classiche, rifiutò nettamente i modelli letterari e culturali provenienti d’Oltralpe. Con le Odi barbare Carducci ha affrontato il difficile problema della trasposizione in chiave qualitativa di metri espressi in forma quantitativa. Evidente è altresì la ricezione della tradizione classica nelle scelte tematiche della lirica carducciana, in particolare ne Le fonti del Clitumno.

Carducci tradotto e traduttore

Carducci ha dimostrato un’estrema perizia nella traduzione di testi medievali e provenzali (Jaufré Rudel, Bernart de Ventadorn, Raimbaut de Vaqueiras) e a sua volta è stato oggetto di traduzione in diverse lingue europee, in polacco le sue opere sono state tradotte, tra gli altri, da Julia Dickstein-Wieleżyńska, Helena Grotowska, Edward Porębowicz, Zenon Przesmycki e Wincent Rzymowski.

Carducci anarchico e l’Italia unita

In rapporto al suo tempo, Carducci ha dimostrato una duttilità ‘moderna’: da presupposti anarchici (l’Inno a Satana, il circolo degli Amici pedanti) è arrivato a legittimare l’Unità d’Italia, al tempo frutto estremo di ideali romantici, appoggiando l’istituzione monarchica. Tra i fondatori della Società Dante Alighieri, allo scopo di favorire e promuovere la cultura e la tradizione italiana, laddove pur avendo una popolazione legata ancora i confini della neonata nazione non erano arrivati. Carducci stesso è stato trattato, dopo la morte, come uno dei simboli di movimenti e circoli politicamente e ideologicamente distanti, giustificando il fatto attraverso artifici e scelte retoriche (Jesi).

I contributi dei partecipanti saranno selezionati per la pubblicazione su Collectanea – una collana scientifica dedicata a raccogliere miscellanee di saggi caratterizzati da un’impostazione interdisciplinare, intesi a investigare un tema comune con strumenti  propri ad ambiti scientifici differenti e in parte complementari (letteratura, filosofia, filologia, linguistica, storia, critica d’arte, etc.) al fine di proporre un quadro delle problematiche di volta in volta affrontate improntato alla complessità dialettica. Virtuosa-mente editore. Gli autori riceveranno, altresì, una versione digitale del proprio contributo conforme alle direttive ministeriali vigenti.

Inviare il titolo e una breve introduzione della proposta all’email commedia.wroclaw@gmail.com entro il 29 febbraio 2020

La quota di partecipazione è di 30 Euro / 120 Złoty

Organizzazione:

  • Sonia Maura Barillari (Università degli studi di Genova),
  • Gianluca Olcese (Università di Wrocław),
  • Luca Palmarini (Università Jagellonica di Cracovia)

Luogo: Istituto di Archeologia e Etnografia dell’Accademia Polacca delle Scienze (IAE-PAN)

Sala congressi, ul. Więzienna 6, Wrocław

“Ma qui la morta poesì resurga”. Ricezione della Commedia di Dante Alighieri: letteratura, arti, didattica. 10-11 giugno, Università di Wroclaw

Organizzatori: Sonia Maura Barillari, Maria Maślanka-Soro, Gianluca Olcese, Luca Palmarini

PLIDA, Società Dante Alighieri: sede centrale, comitati di Breslavia e di Cracovia; Società Italiana di Filologia Romanza (SIFR)

Università di Breslavia, Università Jagellonica di Cracovia, Università degli Studi di Genova.

Il convegno ha valore di corso di aggiornamento per insegnanti, con il riconoscimento del Ministero dell’Istruzione Italiano e sarà fornito a chi lo richieda un attestato di partecipazione.

Dante Alighieri è lo scrittore in lingua italiana più studiato al mondo e le pubblicazioni dedicate alle sue opere superano ogni anno quelle per qualsiasi altro autore della penisola. Lungo il percorso che conduce alla commemorazione del VII centenario della morte del poeta, nel 2021, questo convegno si propone di celebrarne la vita attraverso i versi della Commedia, la sua opera più nota le cui radici scavano nelle tradizioni europee, anche ‘laterali’ quale quella che ha portato alla nascita del Purgatorio, e trovano altresì interessanti riscontri in quella araba ad es. nei parallelismi con il Libro della Scala e nei riferimenti testuali ai filosofi arabi nell’anti-Inferno. La ricerca di Dante ha le sue basi tanto nella letteratura colta quanto nella cultura popolare, l’una e l’altra chiaramente percepibili nei personaggi mitici e nelle ambientazioni che popolano il suo universo. Il costante rapporto che il testo intrattiene con il lettore viene colto ed esaltato nelle sue interpretazioni e riletture successive in tutte le diverse forme espressive: letteratura, musica, teatro, fotografia, cinema, pittura, scultura, etc.

Per questo la Commedia dantesca può fornire un’importante base per favorire l’apprendimento linguistico, come fattore motivazionale, e come oggetto indipendente di studio e ricerca al di fuori dell’Italia. Si pensi ad esempio al suo adattamento per un pubblico molto giovane rappresentato da L’Inferno di Topolino, testo a fumetti di Guido Martina e Angelo Bioletto, o, nella letteratura polacca, alla Non-divina commedia (Nie-Boska komedia) di Zygmunt Krasiński, o ancora a testi di esplicita denuncia sociale quale l’anonimo Canto 33-bis, o la fortuna letteraria (e non solo) di alcuni personaggi danteschi, come Francesca da Rimini, Cunizza da Romano, Manfredi, o ancora di Ulisse ad es. nell’ironica parodia de L’ipotesi di Guido Gozzano. Si evidenzia inoltre l’importante stimolo culturale che la Commedia – la cui ricca tradizione manoscritta è ancora costante oggetto di ricerca – ha saputo dare in area germanica per la fondazione di circoli di intellettuali interessati allo studio e all’interpretazione del testo, che da Dresda si sono espansi in tutto il territorio di lingua tedesca, di cui è frutto la traduzione ancora attuale in lingua tedesca di Giovanni di Sassonia, pubblicata sotto lo pseudonimo di Philaletes. Si tengano inoltre presenti le opere musicali aventi quale fonte ispiratrice la Commedia, come la nota sinfonia di Liszt, e quelle pittoriche di cui offrono esempi illustri la Barca di Dante dipinta da Delacroix, le opere di Botticelli, di William Blake, di Salvador Dalí, nonché le illustrazioni di Gustave Dorè, infine le molte trasposizioni cinematografiche, prima fra tutte L’inferno, film muto italiano del 1911 che proprio alle illustrazioni del Doré si è ispirato.

Si invita a proporre interventi riconducibili alle seguenti linee-guida:

– riletture e riscritture letterarie (parodia, satira, adattamenti)
– arti figurative
– trasposizioni cinematografiche
– testi musicali
– traduzioni
– tradizione manoscritta
– didattica

La partecipazione al convegno prevede il versamento della quota di tesseramento di 120 Zloty o di 30 Euro alla Società Dante Alighieri, Comitato di Wroclaw.

Ai relatori e agli insegnanti iscritti al corso di aggiornamento sarà consegnato un attestato di partecipazione.

I contributi dei partecipanti saranno selezionati per la pubblicazione su Collectanea – una collana dedicata a raccogliere miscellanee di saggi caratterizzati da un’impostazione interdisciplinare, intesi a investigare un tema comune con strumenti propri ad ambiti scientifici differenti e in parte complementari (letteratura, filosofia, filologia, linguistica, storia, critica d’arte, etc.) al fine di proporre un quadro delle problematiche di volta in volta affrontate improntato alla complessità dialettica. Virtuosa-mente editore. Gli autori riceveranno, altresì, una versione digitale del proprio contributo conforme alle direttive ministeriali vigenti.

Lingue principali: italiano, polacco, tedesco, francese, inglese (la possibilità di svolgere la relazione in altre lingue sarà valutata dagli organizzatori).

Termine per l’invio delle proposte è il 25 aprile, via posta elettronica, con informazioni personali del relatore comprensive di titolo dell’intervento e abstract nella lingua scelta per la presentazione, da inviare alla segreteria del convegno, Giovanni Jarre: commedia.wroclaw@gmail.com

IBAN del conto in Euro: PL41 1750 0012 0000 0000 3665 3337
BIC/SWIFT: PPABPLPK
Conto in Zloty: 19 1750 0012 0000 0000 3665 3248

La lingua e il gusto. Foto degli incontri linguistico-letterari, prof.ssa Monica Mosca

Monica Mosca e studenti
foto di Gianluca Olcese, Dipartimento di Studi Classici, Mediterranei e Orientali dell’Università di Breslavia, 8 novembre 2017

Ringraziamo la prof.ssa Monica Mosca dell’Università di scienze gastronomiche di Pollenzo per gli incontri tra gastronomia e lingua, 7-8 novembre

nota:
Monica Mosca è dottore di ricerca in linguistica e nel suo percorso accademico ha compiuto ricerche a livello internazionale sulla semantica e sintassi delle espressioni di movimento, pubblicando sull’argomento diversi articoli e una monografia. I suoi interessi di ricerca spaziano dalla sociolinguistica, all’acquisizione di italiano come L2 e nell’ultimo periodo al lessico dell’enogastronomia. Vanta una notevole partecipazione a progetti nazionali ed internazionali nei campi di studio menzionati. E’ stata docente a contratto di linguistica cognitiva e di italiano come lingua straniera presso l’università del Piemonte Orientale. Attualmente insegna presso l’Università di scienze gastronomiche di Pollenzo

La lingua e il gusto. Un incontro linguistico-letterario, con la prof.ssa Monica Mosca

La Società Dante Alighieri di Breslavia e il Dipartimento di Studi Classici, Mediterranei e Orientali dell’Università di Breslavia
invitano
a una serie di incontri tra gastronomia e lingua
7-8 novembre
Ingresso libero, posti limitati.
Per informazioni e prenotazioni: dante.wroclaw@gmail.com

Calendario:

  • 7.11.2017, ore 12-13.30, luogo ISKŚiO (lezione con gli studenti del 3° anno del Corso di Laurea in Kultura Śródziemnomorska – Cultura del Mediterraneo)
  • 7.11.2017, ore 15-16.30, luogo IFR (lezione per gli studenti del Corso di Laurea in Kultura Śródziemnomorska – Cultura del Mediterraneo e per gli studenti del 2° e del 3° anno di Italianistica)
  • 8.11.2017, ore 12-13.30, luogo ISKŚiO (lezione con gli studenti del 2° anno del Corso di Laurea in Kultura Śródziemnomorska – Cultura del Mediterraneo)

Jacopo Chimenti - Dispensa con trancio di cinghiale, pasticcio e anatra.jpg
Jacopo Chimenti – Dispensa con trancio di cinghiale, pasticcio ed anatra, Uffizi, Firenze, 1624

 
L’ambito dell’enogastronomia racchiude nel proprio lessico e contesto storico un tesoro di tradizioni e conoscenze che sono state tramandate sia attraverso l’italiano dell’uso comune, sia attraverso l’espressione letteraria.
Il seminario sarà orientato a identificare alcuni aspetti linguistici a partire da un libro, come quello di Pellegrino Artusi, considerato esso stesso una pagina di letteratura italiana piuttosto che un semplice ricettario, e proseguendo con altri testi più recenti.

nota:
Monica Mosca è dottore di ricerca in linguistica e nel suo percorso accademico ha compiuto ricerche a livello internazionale sulla semantica e sintassi delle espressioni di movimento, pubblicando sull’argomento diversi articoli e una monografia. I suoi interessi di ricerca spaziano dalla sociolinguistica, all’acquisizione di italiano come L2 e nell’ultimo periodo al lessico dell’enogastronomia. Vanta una notevole partecipazione a progetti nazionali ed internazionali nei campi di studio menzionati. E’ stata docente a contratto di linguistica cognitiva e di italiano come lingua straniera presso l’università del Piemonte Orientale. Attualmente insegna presso l’Università di scienze gastronomiche di Pollenzo

Lingue